Luca Baldo – Marketing per ecommerce

Fiat 500 e Panda in vendita su Amazon. E’ arrivata la fine delle concessionarie?

Da ieri sera sta facendo il giro del globo l’accordo tra Fiat-Chrysler (FCA Auto) e Amazon per la vendita online delle loro auto (per ora solo Fiat 500, 500L e Panda) con sconti tra il 20 ed il 33%.

In verità più che di accordo si tratta già di realtà. Infatti è già tutto operativo nel mega ecommerce Amazon a questo indirizzo  https://www.amazon.it/gp/adlp/fiat .

Oggi ho quindi pubblicato un piccolo post sulla mia pagina Facebook e Alessandra, una mia carissima amica mi chiede 

Ci sono categorie di persone per categorie di prodotti che aborrano il fai da te. Credi che sarà qualcosa di circoscritto a pochi o solo ad una certa categoria di auto? “

In primis mi tolgo qualche sassolino nella scarpa.

Ti è mai capitato di entrare in una concessionaria seriamente intenzionato a comprare un auto?? Io si, per l’acquisto di 2 auto, una come privato e una aziendale. Penso che la sensazione che più ricordo sia stata quella di “disagio“.

La loro scarsa capacità di mettere a proprio agio le persone, la capacità di farmi sentire un barbone anche se avessi potuto comprarla in contanti  senza problemi. Ciliegina sulla torta? Non hanno ancora capito che il 90% delle persone che entra in concessionaria e ti chiede un auto è minimo 1 mese che legge anche le specifiche dei tessuti del pomello del cambio. E tu venditore d’auto non puoi fermarti a sapere la cilindrata e 4 sigle in croce….

Stop con lo sfogo che riassumo dicendo che il venditore d’auto attualmente non aggiunge valore al brand e alla vendita del prodotto. Tutto il lavoro di vendita viene fatto a monte. Tu compri solo da quello che ti fa meno o, a parità di prezzo, dal meno penoso.

Torniamo al nocciolo della questione.

Il futuro della vendita di auto è destinato a finire tutto online tramite gli ecommerce dei brand o Amazon?

Il futuro per me è ovvio e scontato, il problema è in quanto tempo i grandi brand di auto riusciranno a capirlo e successivamente ad applicarlo… Io direi almeno 10/15 anni.

Pronti per il futuro?

Schermata 2016-11-19 alle 12.02.08Ogni marca di autovetture avrà per ogni città pochissimi ma enormi showroom, ovviamente monomarca.

L’obiettivo sarà quello di farti immergere in un esperienza unica, in grado di trasmetterti le emozioni che vuoi ricevere da quel brand o modello. Per i prodotti di punta verranno fatti interi showroom monomodello, un po’ come Smart ha anticipato e con grande successo direi anche.

Immagina quindi che nella tua città ci sia un mega showroom dedicato esclusivamente alla Fiat 500. Chi compra la 500 vuole sentirsi diciamo “un personaggio” per cui il mood dovrà colpire quel tipo di persone. Immagina di entrare e trovare tutto magari in stile anni 50, con modelli d’epoca, qualche bella vespetta qua e la che non guasta mai e un esplosione di colori e musica.

Una volta entrati ci sarà un percorso che ti farà vivere la storia del modello e man mano che camminerai acquisirai tutte le informazioni necessarie per convincerti che quello è la macchina che fa per te. Per chi sa di cosa sto parlando una sorta di Sales Letter in versione realtà aumentata 😀 .

Lo staff sarà composto da persone giovani, belle, con abbigliamento casual ma molto ricercato. All’interno potrai trovare tutte le versioni disponibili in TUTTI i colori (no solo grigia, bianca e nera…) e gli allestimenti in modo da poter vedere e toccare con mano il prodotto in ogni sua variante. Una piccolo tracciato esterno ti darà la possibilità di provare su strada TUTTE le motorizzazioni disponibili. Se non hai tempo ci sarà una area dedicata alla realtà virtuale che ti permetterà in pochi minuti di fare un giro in pista e cambiare motore al volo.

L’obiettivo sarà farti vivere le emozioni che potresti provare possedendola.

Una volta innamorato del prodotto potrai decidere se fare l’ordine online assistito da un addetto oppure farlo in tutta comodità a casa tua tramite i configuratori online scegliendo fino al più minuscolo dettaglio con calma!

Non sarebbe tutto fantastico? Spero solo di essere ancora vivo per godermi la previsione 😀

Bye bye amico venditore d’auto 😛

About 

2 Comments

  1. alessandra rossi

    22/11/2016 - 10:36
    Reply

    Concordo. Articolo interessante, che apre a molte riflessioni sulle interazioni fra le varie modalità e piattaforme di vendita.
    Il futuro è di chi punta sull’armonizzarle tutte (da quella online a quella off) con una comnunicazione coerente e, chiaramente, competenze multidisciplinari.

    • Luca Baldo

      22/11/2016 - 10:41
      Reply

      Grazi Alessandra, concordo! Orami offline/online vanno usati con coerenza e l’uno a supporto dell’altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.