Luca Baldo – Marketing per ecommerce

Primo step per un e-commerce di successo: conosci il nemico

Prima di muovere i primi passi nel mondo e-commerce c’è un’attività fondamentale da fare: analizzare la concorrenza.

Non pensi sia così fondamentale? Sbagli.

L’analisi della concorrenza è alla base di ogni progetto e-commerce e ti permette di capire come sono strutturati i tuoi competitor e, di conseguenza, dove andare a posizionare il tuo prodotto.

Se vuoi scoprire passo dopo passo come fare, guarda il video qui sotto o continua a leggere.

La prima cosa da fare è vestire i panni di un potenziale cliente alla ricerca di un prodotto: il primo passo sarà, quindi, fare una ricerca su Google inerente a ciò che è di nostro interesse. Se siamo focalizzati, ad esempio, sulla cosmetica bio andremo a fare delle semplici ricerche online utilizzando le parole chiave associate ed i vari concorrenti compariranno sulla nostra pagina di ricerca senza troppi sforzi.

A questo punto si dovrà identificare i vari competitor e riportarli successivamente in un Excel, compilando per ciascun concorrente i seguenti campi:

  • indirizzo, per capire dove sono collocati geograficamente
  • società, per capire chi c’è dietro
  • USP (Unique Selling Proposition), cioè come si pongono sul mercato e quale è il loro elemento differenziante
  • brand trattati, quindi quali marche propongono
  • struttura, ovvero le categorie presenti nell’e-commerce
  • elementi deboli che rileviamo
  • punti di forza che emergono

Il mio consiglio è avere un occhio di riguardo anche per quanto riguarda la predisposizione responsive dei rispettivi e-commerce, ovvero se sono fruibili da smartphone, la quale potrebbe essere un vantaggio o svantaggio nel caso in cui venga implementata o meno.

Il passo successivo sarà rilevare i tre concorrenti principali con i quali ci si andrà a scontrare direttamente per tipologia di prodotto o categoria, per ciascuno dei quali dovremo andare più in profondità:

  • valutando i volumi di ricerca organica ed a pagamento con strumenti come SEMrush o SEOZoom, i quali hanno anche una versione base gratuita e facilmente utilizzabile;
  • scaricando il bilancio dell’azienda per vedere l’andamento nel tempo, facendo attenzione se l’azienda è esclusivamente online o anche offline in quanto in quest’ultimo caso i dati riportati saranno totali e non esclusivamente legati all’attività relativa all’e-commerce.

L’ultimo passo da fare è effettuare un ordine da ciascun concorrente principale per vedere la gestione dell’evasione dello stesso ed effettuare successivamente un secondo ordine dopo 30 giorni, in maniera tale da avere un’indicazione degli ordini mensili e, calcolando l’ordine medio, farti un’idea indicativa del volume d’affari.

About 

0 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *